Cerchiamo di accrescere il nostro sapere riempendo la mente di nozioni, ma la vera conoscenza consiste nello svuotare la stanza.
Ramana Maharshi afferma che "Si dovrebbe conoscere il proprio Sé con l'occhio della saggezza. (...)
Ci sarà un tempo in cui si dovrà dimenticare tutto ciò che si è imparato".

Patto educativo di corresponsabilità scuola-famiglia. Se non volete firmarlo, come non faremo mia moglie ed io per nostra figlia, utilizzate questo prezioso testo pro-forma scritto dalla validissima Elisabetta Frezza.
ricognizioni.it/patto-di-corre

Stanno arrivando i patti di corresponsabilità dai presidi delle scuole, sti paraculi. Non firmate un cazzo di niente, il diritto allo studio è sancito dalla Costituzione.

L'essere umano è un animale strano: è libero per natura, ma si rinchiude in gabbia per sentirsi al sicuro. Eppure, continua a essere libero, ma non lo sa. L'ignoranza spirituale non è acqua fresca.

Buongiorno comunardi negazionisti che non siete altro. Il potere mafioso, grazie ai suoi picciotti, ci ha provocato in tutti i modi possibili e immaginabili per farci reagire con violenza e reprimerci una volta per tutte. Ma voi niente, avete continuato a martellare con le vostre argomentazioni razionali senza andare "fuorigioco" con la violenza e permettere ai mercenari di schiacciarvi. E ora si stanno incartando da soli, fanno fatica, e ci godiamo il botto. Conte è in chiaro stato confusionale

Tutto l'apparato del nuovo ordine mondiale cerca di "buttarla in caciara", far lottare le opposte fazioni nel fango: i cittadini ligi al dovere e proni all'autorità etichettano quelli che osano mettere in discussione le decisioni governative come terrapiattisti, negazionisti, ecc...; dall'altra parte si cede spesso all'istinto di appellarli PDuisti, ricchionazzisti o altre amenità. Non giova. Piuttosto, siccome il nucleo dell'autorità è la catena del comando, chi sta in cima? Perché obbedire?

Parafrasando Peppino Impastato: lo stato è una montagna di merda. Il grande capitale si serve degli stati nazionali in chiave coercitiva contro le popolazioni per asservirle, per metterle ai ceppi. Quindi, tutte le azioni individuali e collettive volte alla distruzione dello stato sono benefiche. Tutte le azioni che conducono, almeno inizialmente, ad un certo primitivismo nel vivere, ad un taglio netto del superfluo, sono benefiche. Quando poi la vista si acuisce, si affronta il nodo del potere.

Il patto sociale è andato in pezzi. Di chi è la colpa e di chi non è non conta. Mi dico che questo è un bene, arrivati a questo punto. Si dovrebbe obbedire solo alla propria coscienza, non a leggi mafiose.

Buongiorno comunardi, sembra che stiamo arrivando al redde rationem.
La soluzione è nella conquista del potere decisionale da parte delle popolazioni, territorio per territorio.
La cosa parte da ciascuno di noi, ce lo siamo detti tante volte e lo sappiamo. Devono cadere gli ultimi tabù. Chi segue le regole di uno stato mafioso non è un bravo cittadino, è un bravo picciotto. Godiamoci la vita e la amata madre terra sempre e per sempre. E facciamo anche la cosa giusta, quando è necessario.

TarasRivo boosted

Non rendetevi ridicoli parlando di questa dittatura come di un regime comunista. E' la solita cara vecchia dittatura della borghesia imperialista. E la cura è scritta in "Stato e Rivoluzione" di Lenin. Niente di nuovo sotto il cielo da almeno 160 anni, cambia solo la pelle.

Un carissimo saluto a tutti voi spiriti liberi. Chi è davvero libero non conosce mai la schiavitù, anche in mezzo al lavoro duro e alle difficoltà esterne. Nemmeno sotto una dittatura come questa.
Teniamo duro che vinciamo, siamo a favore di vento e di vita.

La nascita di una nuova e migliore società umana passa attraverso l'essenzialità e un certo primitivismo associativo, almeno in una prima fase. Andare al sodo, senza fronzoli.
Dico che dobbiamo crepare se vogliamo rinascere, altrimenti si perpetuano i soliti meccanismi divisivi e tutto resta così come è, dentro e fuori di noi.
La persona deve fare un passo indietro per consentire alla nuova pianta di nascere e germogliare.
Si parta da decisioni semplici: mascherina ai bambini sì o no?

Il gelato si sta sciogliendo nelle mani di questi criminali di stato. Ma se Speranza e quelli come lui continuano a insistere con la loro attenzione indesiderata sui bambini, saranno tutti c.... loro. Questa è una promessa, non è una minaccia.
A parte questo, dritti e combattivi verso la democrazia diretta, senza appartenere ad alcun partito o associazione (questo per quanto mi riguarda). Basta cazzate e basta cambiali in bianco a malati mentali. Ognuno sia responsabile e lottiamo determinati.

Mi rivolgo a voi amici perché non si può convincere chi non può comprendere a causa del suo oggettivo stato di (in)coscienza, provo misericordia per questi miei simili, che in realtà sono ciò che io sono, ma non ne sono consapevoli. E fanno danno a se stessi e agli altri. Pietà per loro.
Andiamo fuori nella natura, abbracciamo l'immenso potere di ciò che siamo, la bellezza assoluta dell'essere senza forma e senza nome. Possa il brillare della coscienza illuminare i passi di tutti gli umani.

Comunardi, lo dico e lo ridico
(ah ah)
la cura Italia è la democrazia diretta comune per comune, il potere popolare dovrebbe emanare dal territorio verso il livello regionale e poi nazionale, non il contrario.
Se saremo così bravi a realizzare questo concretamente, tutto va a posto. Non era una novità nemmeno 100 anni fa, ora è una necessità. Evoluzione o estinzione.
Andiamo dritto per dritto.

Buongiorno egregi Comunardi,
ieri ero a Firenze in Piazza Santa Croce, la pericolosa manifestazione dei no vax e no5g (senza mascherina), come ci hanno gentilmente etichettato i giornalai venduti de "La Nazione". Bellissimo incontro di spiriti liberi che si incontrano e si riconoscono. Ognuno di noi è portatore in se stesso del cambiamento per questo nuovo mondo migliore, non ci sono eroini ed eroine, solo lo splendore di ciò che siamo e la necessità di agire subito, senza perdere la tenerezza.

Show more
Byoblu Social

Il social network libero di Byoblu, open source, decentrato e federato.